IL PROGETTO
Benchmark Flussi Internazionali via SWIFT (MKS) è un progetto di ricerca indirizzato al sistema bancario nazionale, disegnato per fornire uno strumento di analisi dei flussi internazionali (extra SEPA) di ciascuna banca aderente, secondo KPI condivisi a livello di sistema italiano, per misurare l’operatività delle banche nei confronti della propria clientela e le relative performance all’interno di un panel di banche nazionali statisticamente significativo.

GLI OBIETTIVI
La ricerca si pone 2 obiettivi:

  1. Nel breve termine, fornire alle banche aderenti uno strumento di benchmark nazionale sui flussi generati extra SEPA;
  1. Nel lungo termine, includere nella ricerca il maggior numero di banche del sistema nazionale per definire delle vere e proprie quote di mercato non più basate su stime approssimative ma sull’effettiva operatività estera.


I SERVIZI ATTIVI

I servizi di benchmark già attivi con alcune tra le principali banche italiane sono:

  1. MKS Payments, focalizzato sui flussi di incasso e pagamento MT 103 nel quale vengono fornite informazioni in merito a mercati di origine/destinazione dei flussi, divise utilizzate e distribuzione dei flussi su territorio nazionale (macro area, regione, provincia)
    _
  2. MKS Trade, focalizzato sui flussi di trade finance (lettere di credito e garanzie). Il traffico viene analizzato e confrontato sulla base di KPI condivisi, che ne permettono sia un’analisi statistica/quantitativa di confronto con panel, sia qualitativa sulla propria banca (mercati, divise ed importi | istruzioni di conferma | tolleranze ecc.)
    _
  3. MKS FX & MM, focalizato sui flussi MT 300 e MT 320 di interesse per la sala cambi (progetto in fase di test).


LO SPIRITO DEL PROGETTO
In un articolo apparso su stampa specializzata, due partner di Boston Consulting Group, Deepak Goyal e Sumitra Karhikeyan, hanno evidenziato come le banche nel mondo raramente indagano e quantificano la loro “share of wallet”, mentre si affidano a semplici stime o ipotesi ragionevoli, sottostimando la composizione del loro portafoglio clienti e sovrastimando le loro quote di mercato con un margine di errore dal 30 al 50%.

Lo spirito del progetto è pertanto quello di migliorare la conoscenza e la chiarezza sui flussi di interscambio (compromessa a seguito della dismissione delle statistiche UIC fornite dalla Banca d’Italia) utilizzando un metodo scientificamente rigoroso per affrontare questi temi strategici. La ricerca promossa ha quindi l’obiettivo più generale di assicurare il mantenimento di un elevato livello di conoscenza sulle informazioni a valore aggiunto contenute nella messaggistica per l’estero e l’utilizzo della stessa in un’ottica di miglioramento della strategia commerciale.

Per maggiori informazioni ed approfondimenti contattate transactionbankinglab@mirware.com